Mi presento

Ciao a tutti,

sono Anna e questo è il mio blog di viaggi: vorrei condividere spunti per vacanze e weekend sia in coppia sia in famiglia (ho due ragazzi di 11 e 13 anni).

Cerco sempre di pianificare i miei viaggi per tempo, sia per risparmiare sul costo di voli e hotel, sia per risparmiare tempo acquistando online i biglietti d’ingresso per musei e altre attrazioni. A volte, però, partiamo allo sbaraglio, e va a finire che ci ritroviamo per ore in fila, ma sbagliando s’impara e cercherò di riportare buoni consigli!

Gli esordi

Ho iniziato a viaggiare sin da piccola, sia con i genitori sia con gli zii, godendo della privilegiata posizione di prima nipote nata nella famiglia materna! Anzi alcuni dei viaggi più belli li ho fatti proprio allora (anche se ormai i ricordi sono affievoliti e bisognerebbe rifarli!!!): sono stata verso i sei anni con genitori e sorella in Ecuador per un mese, prima ancora in camper con zia e nonno ai castelli della Loira, verso i dieci anni sono stata a Creta con gli zii, saltando pure scuola 😉 d’altra parte quello che si impara in viaggio non si può insegnare! Poi i weekend lunghi in Italia, da Roma e Napoli, sempre a trovare parenti, salutare amici e le lunghe estati in Puglia… crescendo così non potevo che diventare un’appassionata viaggiatrice, così come avendo mamma bibliotecaria non potevo che essere un’insaziabile lettrice (ma questo più prima di iniziare a lavorare, ora averlo il tempo!).

I primi diari di bordo

Ho sempre portato a casa tanti ricordi dei miei viaggi, oltre a quelli mentali, cartoline, fotografie, scontrini, volantini, biglietti dei musei, calamite, piccoli ricordi… e per ricordarmi tutto quello che avevo visto tenevo un diario, come andava tanto negli anni dell’adolescenza. Poi crescendo e diventando in primis l’organizzatrice dei miei viaggi, ho iniziato a tenere un vero e proprio diario di bordo, una sorta di patchwork in cui oltre a riepilogare l’itinerario mi piaceva incollare i ricordi, creando dei faldoni belli da sfogliare, un po’ più difficili da sistemare, soprattutto con i vari traslochi mi sono resa conto di quanto pesava tutta questa carta!!! Così con l’evoluzione dei tempi è arrivato il blog, quale modo migliore di dare ordine ai propri ricordi, riuscendo anche a essere utili per altre persone! Confesso però che la scatola dei ricordi esiste ancora, non credo che la mia generazione possa rinunciare alla carta!

Buona lettura e buoni viaggi!

Rispondi