PanAnna blog di viaggi

Itinerari di viaggio e avventure familiari

Itinerari di viaggio e avventure familiari

5 giorni in scooter a Ibiza – giorno 2

Ci siamo lasciati finalmente in albergo, dopo una giornata lunghissima, iniziata alle 4 del mattino, finita però alle 22… caro dolce letto! Delle prime impressioni vi ho parlato qui, ora ripartiamo da…

Giorno 2

Sveglia in orario decente, con la scusa che tanto la colazione è servita a partire dalle 9, non ci facciamo troppi problemi a prendercela comoda… e siamo pronti a ripartire a bordo del nostro scooter, direzione sud-est verso Sa Caleta, un’altra delle spiagge consigliate dalla nostra guida. Lezione n. 3: sulla carta tutte le spiagge sono belle, magnifiche, imperdibili, una delle migliori di Ibiza, ti lasciano senza fiato… dal vivo sono poche quelle che davvero meritano! Questa è da prendere in considerazione se avete la fortuna di visitare Ibiza in un periodo poco affollato, i colori sono belli, soprattutto il contrasto tra le rocce a picco e il mare, ma trovare un posticino tranquillo ad agosto è un’impresa impossibile!

IMG_7288IMG_7289IMG_7291IMG_7292

Merita anche la bancarella che trovate all’inizio della spiaggia, c’erano un sacco di abiti e accessori carini! Bancarelle se ne trovano comunque all’ingresso di quasi tutte le spiagge o addirittura ci sono ragazze che indossano i vestiti che vendono e girano per la spiaggia per mostrarli e proporvi l’acquisto; abbiamo incontrato anche qualche venditore ambulante di teli mare, ma scordatevi l’insistenza che li caratterizza sulle spiagge italiane, qui erano educati, si vede che la politica dell’isola è diversa.

Dopo aver esplorato la zona e deciso che non era posto per noi, risaliamo in groppa al nostro scooter e ci dirigiamo verso la successiva Platja des Jondal, che ospita i chiringhitos Blue Marlin e Tropicana, l’organizzazione è super: parcheggio comodo, lettini a prezzo abbordabile, ma il mare è mosso e non ci convince… per fortuna Stefano era rimasto in sella a tener caldi i cavalli e ripartiamo subito verso Port de Porroig, per poi procedere per la cittadina di Es Cubells, un bel punto panoramico con un paio di ristoranti. Per fortuna la benzina costa poco o meglio lo scooter ne consuma poca, mentre i prezzi non sono molto più bassi di quelli italiani, e noi stiamo accumulando chilometri 😉

img_7939
Platja des Jondal
IMG_7294
Port de Porroig
IMG_7295
Port de Porroig
IMG_7296
Es Cubells

IMG_7297IMG_7299

IMG_7302IMG_7310

In tutto questo viaggiare ci viene pure fame (più a me ovviamente, Stefano pare sia allenato per resistere alle situazioni più estreme 😉), decidiamo di fermarci a Cala d’Hort: gli ombrelloni sono tutti occupati, ma riusciamo a trovare un po’ d’ombra davanti alle famose rimesse dei pescatori, che troverete praticamente in ogni spiaggia.

Anche questa spiaggia, però, ci sembra troppo affollata, quindi risaliamo sullo scooter e proseguiamo fino a raggiungere il paese di Sierra Mar, una nuova urbanizzazione sulla costa est dell’isola. Qui finalmente troviamo un po’ d’ombra, oltre all’immancabile birretta e ci rilassiamo qualche ora in attesa della sera… la spiaggia è tranquilla, ma non indimenticabile!

IMG_7316IMG_7317IMG_7319

Verso le 18.30 ripartiamo alla volta di quello che sarà l’evento della giornata: il tramonto visto dal promontorio di Es Vedra! Arriviamo tra i primi e approfittiamo per salire fino alla torre De Savinar, ottimo punto panoramico, un po’ difficile da raggiungere: il sentiero è breve, ma in salita. Fatte le foto di rito, scendiamo e ci scegliamo il nostro posticino in attesa del tramonto… continuano ad arrivare nuove persone, l’area piano piano si riempie, si presentano pure due venditori di birra e mojito, loro arrivano davvero ovunque! Sotto il punto panoramico si nasconde una piccola grotta votiva, chiamata Cova des Mirador, la noti solo se vedi qualcuno scendere prima di te, è incredibilmente piena di oggetti lasciati nel tempo, per osservarli tutti c’è da perderci le ore…

IMG_7323

IMG_7324
Ecco la salita alla Torre
IMG_7326
e il panorama che si gode dall’alto

IMG_7327IMG_7328IMG_7329IMG_7332

IMG_7337
La grotta votiva
IMG_7343
E infine la magia del tramonto

IMG_7353IMG_7363

Il tramonto si completa attorno alle 20.45, poi riprendiamo lo scooter, io avvolta nell’asciugamano perché non pensavo sarebbe servita la felpa, invece fa freschetto, torniamo in hotel, ci laviamo, passeggiamo fino in centro alla ricerca di un ristorantino carino, ci dimentichiamo di cercarlo su Tripadvisor e il mio cellulare non ha campo (maledetta Vodafone, lo posso dire?! Avrei preferito scegliere in autonomia se essere disconnessa dal mondo per una settimana! Stesso problema riscontrato da amici in altre parti del mondo, invece Wind funzionava benissimo se vi interessa), quello di Stefano fatalità è scarico, quindi andiamo a naso e ci sediamo in un ristorante affollato, pensando che se piace agli altri piacerà anche a noi. Sono le 23.00! E così capiamo perché i ritmi sono così ritardati rispetto ai nostri… seguendo la naturale evoluzione della giornata viene spontaneo lasciare la spiaggia solo al tramonto e cenare quando in Italia andresti a dormire!

Per la cronaca, mangiamo una paella senza infamia e senza lode, tra l’altro è stata la cena per la quale abbiamo speso di più, per i giorni seguenti abbiamo scovato dei posticini più economici ma sfiziosi, che vi consiglierò più avanti; la portata era abbondante, per aiutare la digestione decidiamo di visitare la città vecchia, la Dalt Vila, la parte più antica di Eivissa che ancora conserva perfettamente le mura difensive: all’interno continuano ristoranti e negozi come lungo le altre vie del centro, ma salendo verso l’altro si trovano viuzze meno affollate e molto caratteristiche.

IMG_7365IMG_7366IMG_7368

IMG_7661IMG_7664

IMG_7666
Capella de Sant Ciriac

IMG_7671

E qui finisce il nostro secondo giorno di permanenza a Ibiza, ma la storia non è finita…

Grazie per aver letto sino a qui! Spero che il mio racconto ti sia piaciuto e se vuoi dimostrarmelo lascia un mi piace, un commento, condivilo pure tramite i canali social!

Alla prossima puntata!

Anna

3 Replies to “5 giorni in scooter a Ibiza – giorno 2”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: