Il viaggio che mi ha cambiato la vita

il racconto dei tre viaggi che mi hanno cambiato la vita

Da ogni viaggio torno diversa, scopro nuovi pezzi di mondo e allo stesso tempo scopro un po’ di più su di me, e su di noi come famiglia. Non so se vale anche per voi, ma solo in viaggio riusciamo a stare insieme parecchio tempo, a casa la routine ci fa entrare in un vortice in cui tutti girano come trottole impazzite e non c’è mai il tempo di raccontarsi con calma. Cerchiamo di tenere la cena come momento d’incontro (vi prego, non parlatemi a colazione!), ma non sempre si riesce a mangiare tutti e quattro alla stessa ora… ma stavamo parlando di viaggi!

I tre viaggi che mi hanno cambiato la vita

Facendo ordine nei ricordi, sono tre i viaggi che mi hanno cambiato nel profondo, tutti e tre riguardano periodi importanti, di passaggio:
– a sei anni il primo viaggio oltreoceano, in Ecuador, ero piccola, ma ho avuto netta la percezione della povertà e al contempo della mia fortuna;
– a ventidue il secondo viaggio oltreoceano, California e New York con mia sorella, segna la fine dell’adolescenza;
– a venticinque il primo viaggio in coppia con Stefano, diciamo sempre di esserci innamorati in Sardegna, e in effetti questa terra ci rimarrà sempre nel cuore!

Viaggio in Ecuador

il viaggio che mi ha cambiato la vita in ecuador

In Ecuador ho scoperto la povertà: intorno ai sei anni ho capito che non tutti vivevano nelle mie stesse condizioni. Questa rivelazione non è stata scioccante, dal basso della mia tenera età mi rendevo conto soltanto del fatto che quelle persone vivevano in modo diverso da me. Erano tutte allegre e gentili, mi facevano festa, ci offrivano da mangiare, si prodigavano a insegnarmi qualche parola in spagnolo. E poi da un certo punto di vista erano fortunatissimi: in Ecuador si poteva viaggiare sul cassone del pick-up, stretti uno all’altro sotto una coperta di lana. Si gustavano piatti nuovi, e sebbene ‘no me gusta la sopa‘ sia stata probabilmente la mia prima frase in spagnolo, adoravo mangiare le pannocchie di mais con le mani.

Viaggio negli USAil viaggio che mi ha cambiato la vita negli usa

Negli USA ho scoperto la libertà: uscivo da un periodo pesante, e quel viaggio mi ha permesso di svuotare la mente, per poi tornare e ripartire carichissima! Lo considero il mio primo vero viaggio estero, il primo aereo preso da sola, la piena libertà di scelta sugli spostamenti, l’ebbrezza di guidare un’enorme auto americana. Anche se abbiamo scoperto che per assurdo – almeno a Santa Barbara come ci hanno raccontato degli amici che vivono lì – fa figo avere l’auto con il cambio manuale, perché negli USA non sono molto diffuse.
Se i chili misurano la felicità, ne ho recuperati dieci da allora!

Viaggio in Sardegna

il viaggio che mi ha cambiato la vita in sardegna

Sono convinta che niente meglio di un viaggio a stretto contatto, 24 ore su 24, ti permetta di conoscere veramente una persona. Quando usciamo per un appuntamento, ci prepariamo per dare il meglio di noi; se abbiamo avuto una brutta giornata tendiamo a rimandarlo. Ma in viaggio non esistono scuse: scoprirete se la vostra metà ha l’alito pesante la mattina o se è sexy anche appena sveglia con i capelli arruffati. Scoprirete se vi viene fame e sonno alla stessa ora, o se avete ritmi completamente sballati. Noi abbiamo scoperto di avere esattamente lo stesso ritmo: abbiamo fatto la prima vacanza di una settimana insieme circa due mesi dopo esserci conosciuti e ha rappresentato il vero consolidamento del nostro rapporto. Ammetto che le spiagge più belle della Sardegna ci hanno aiutato!

Ora tocca a voi!

Grazie a Monica di In viaggio con Monica che mi ha lanciato la sfida per scrivere questo articolo. Se siete curiosi di sapere qual è stato il viaggio più importante per lei, date un’occhiata al suo articolo: Il viaggio che ha cambiato la vita a Monica.
A mia volta giro la domanda a Fabio e Chiara di Allemandich.it: ragazzi siamo tutti curiosi di sapere qual è il viaggio che vi ha cambiato la vita!

Alla prossima avventura,
Anna

26 risposte a “Il viaggio che mi ha cambiato la vita”

  1. Che bei viaggi Anna! I viaggi in qualche modo ci lasciano sempre qualcosa ma alcuni più di altri! Anch’io ricordo bene viaggi fatti da bambina con i miei genitori e sono convinta che i viaggi facciano benissimo ai bambini perché piano piano si capisce che il mondo ha tante sfaccettature diverse. E i viaggi ti fanno conoscere meglio le persone. Anche per me e mio marito la prima vacanza è un bellissimo ricordo. Grazie per aver partecipato!

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Grazie a te per aver lanciato la sfida! 😀

  2. Come per te anche nel mio caso non c’è stato un solo viaggio, ma diversi viaggi da cui sono tornata a casa “un po’ cambiata”. Per me hanno avuto un ruolo molto importante le trasferte in Europa e negli Stati Uniti che ho fatto per il mio precedente lavoro: molto spesso viaggiavo da sola e questo mi ha aiutato ad avere più fiducia in me stessa e ad essere meno paurosa.
    Buon feste ❤️

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Che bello il tuo esempio, buone feste anche a te Silvia!

  3. Sono tutti bellissimi viaggi e molto “forti”, soprattutto scoprire a 6 anni la povertà dall’altra parte del mondo! E il viaggio in Sardegna: è proprio vero che non conosci bene una persona fino a quando non ci vivi 24h su 24h.

    Per quanto mi riguarda, ogni viaggio mi ha cambiato ma credo che quello più tosto in tutti i sensi sia stato il mio anno e mezzo a Dublino a 20 anni. Quello si che mi ha cambiato come persona, come modo di vedere e di vivere. Anche se a volte è stato davvero tosto vivere da sola lontana da casa (e non dietro l’angolo), lo ricordo come il periodo più bello della mia vita!

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Io ho vissuto da sola solo per l’università, mi spiace non aver trascorso un periodo all’estero, ma mai dire mai: magari ci trasferiremo in futuro!! 🙂

  4. Che bello che tu abbia scritto un articolo sui viaggi che ti hanno cambiato la vita…e soprattutto bello leggere che il primo è stato quando eri soltanto una piccina, ma questo dimostra come un viaggio possa essere un’esperienza così toccante da ricordarla anche dopo anni e anni e anni…riuscendo ancora a rivivere le emozioni vissute allora. Io credo che il mio viaggio del cuore sia stato il Marocco…da lì ho cambiato per sempre il mio modo di viaggiare e di rapportarmi alle culture e alle persone diverse. 🙂

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Sogno da tanto di andare in Marocco, spero che si realizzi anche per me! Io ho tanti ricordi di quand’ero piccola e credo moltissimo nel viaggio come scuola di vita.

  5. Se non ci lasciassero qualcosa, sarebbe come non averli fatti. Da ogni viaggio imparo qualcosa di questa avventura chiamata vita. 🙂

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Hai ragione Silvia, ogni viaggio è importante!

  6. Il viaggio che mi ha cambiato la vita è stato quello in Belgio, per l’Erasmus.
    Non volevo partire e fio all’ultimo ho pianto disperata – poi mi sono convinta anche grazie al supporto di amici e familiari – avevo paura, non so nemmeno io di cosa. Una volta partita, non sarei più tornata e da lì in poi ho continuato a viaggiare, ora non riesco a stare troppo tempo senza viaggiare, mi sembra che mi manchi il respiro se ogni tot non faccio una valigia per un posto nuovo 🙂 è proprio vero che non sono le persone a fare i viaggi, ma sono i viaggi che fanno le persone!

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Mi trovi d’accordo con questo detto!

  7. Anche per me i viaggi sono un rito di passaggio: scoperta (di me stessa, di cosa posso fare da sola), di riflessione sulle scelte da prendere, ma anche l’inizio di un cambiamento come quando mi sono trasferita in UK senza la certezza di tornare (poi sono tornata, ma non era previsto!)

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Un trasferimento è sempre un passo importante! Condivido la riflessione sul passaggio!

  8. Ogni viaggio ci cambia un pochino. Ci fanno crescere, migliorare, imparare. Poi alcuni creano un tale tsunami dentro di noi da cambiare e modificare tutte le nostre certezze. Non sempre capita ma quando succede è una bella fortuna. Buon anno amica virtuale spero che il nuovo anno ti regali tante altre emozioni di viaggio.

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Grazie mille cara Manu! Buona fine e miglior inizio 🙂

  9. Tre viaggi uno più bello dell’altro, uno più significativo dell’altro. Sapevo della tua volta oltreoceano in California, ricordo bene quando lessi il tuo articolo in merito. Ma l’Ecuador è quello che mi ha colpito di più in assoluto. Quei viaggi che restano veramente impressi nella mente! E tu che nonostante la giovanissima età, avessi già capito quanta povertà ma anche quanta ricchezza ci fosse lontano da casa. Della Sardegna non parlo, ti dico solo che ti abbraccio forte e spero che il 2019 ce lo faccia scambiare dal vivo questo abbraccio finalmente! <3

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Sarebbe un sogno che si avvera Simo!!! :*

  10. Gli Stati Uniti sono il mio sogno, la costa occidentale la bramo da tempo.
    Ora come ora non potrei permettermelo, ma in futuro (spero prima dei 40 anni :D) la vorrei fare assolutamente.
    Vacanza insieme dopo due mesi di conoscenza? Wow! Beh come dici tu ha aiutato a consolidare il rapporto 🙂

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      E siamo andati a convivere dopo quattro mesi 😉 Dopo 6 anni posso dire che ha funzionato!

  11. Ci sono diversi tipi di viaggi, non tutti cambiano la vita. Eppure tu ne hai tre. 🙂 Le tue riflessioni mi hanno toccata, specialmente quelle sull’Ecuador. Poche righe ma concise e ricche di significato. Grazie!

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Grazie a te Sara, sono felice che tu le abbia apprezzate!

  12. Diversi sono stati i viaggi che mi hanno regalato forti emozioni e ciò che ho vissuto lo porterò sempre nella mente e nel cuore, come le tradizioni del Madagascar, i parchi sconfinati degli USA, gli animali del Kenya, la spiritualità dell’India, la grandiosità dei siti archeologici in Messico, la grandezza dell’Australia. Tutti i viaggi sono tuttavia importanti e riescono sempre ad emozionarti. Belle le esperienze che hai raccontato. Ti auguro uno strepitoso 2019 😉

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Direi che anche tu hai una bella carrellata di viaggi significativi! Che il vostro 2019 sia altrettanto meraviglioso!

  13. Mentre leggevo il tuo post cercavo di far mente locale e scegliere uno dei viaggi fatti che mi ha cambiato la vita e non riuscirei a sceglierne solo tre. Anzi, devo dire che ho avuto la fortuna di fare molti viaggi e ognuno mi ha lasciato qualcosa di particolare che ha dato un corso diverso alla mia vita.

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Sono d’accordo, hai avuto fortuna 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.